FOTO NOTIZIE

Canova, Hayez, Cicognara: l'ultima gloria di Venezia

E' stata presentata oggi alla stampa la mostra che celebra i protagonisti - Leopoldo Cicognara, Antonio Canova, Francesco Hayez - di quella stagione di rilancio culturale che vide la nascita, duecento anni fa, delle Gallerie dell'Accademia di Venezia: un museo che ha come obiettivo quello di conservare e valorizzare la grandezza della tradizione artistica veneta ed italiana.

E' stata presentata oggi alla stampa la mostra che celebra i protagonisti - Leopoldo Cicognara, Antonio Canova, Francesco Hayez - di quella stagione di rilancio culturale che vide la nascita, duecento anni fa, delle Gallerie dell'Accademia di Venezia: un museo che ha come obiettivo quello di conservare e valorizzare la grandezza della tradizione artistica veneta ed italiana.

Sono intervenuti alla conferenza l'Assessore al territorio, cultura e sicurezza della Regione del Veneto  Cristiano Corazzari; la direttrice delle Gallerie dell'Accademia di Venezia, Paola Marini; i curatori della mostra Fernando Mazzocca e Roberto De Feo, e Cesare de Michelis, Presidente di Venezia Accademia.

La mostra, che sarà aperta sino al 2 aprile 2018, è curata da Fernando Mazzocca, Paola Marini e Roberto De Feo. Nel percorso, organizzato in dieci sezioni e con oltre 130 opere, spicca la riunione e il ritorno a Venezia, dopo duecento anni, della serie di manufatti noti come l'"Omaggio delle Provincie Venete", inviati nel 1818 alla corte di Vienna per il quarto matrimonio dell'imperatore Francesco I.

Tra le opere è esposta la Musa Polimnia di Canova, la cui vicenda viene oggi raccontata per la prima volta: nel 1898 dopo la morte dell'imperatrice Elisabetta d'Austria, la scultura passa nella collezione della nipote, l'Arciduchessa Elisabetta Maria d'Austria figlia di Rodolfo d'Asburgo -

Lorena. La Musa Polimnia viene venduta per una cifra altissima nel 1943, dopo 2 anni di trattative, ad Adolf Hitler per il suo Führermuseum di Linz. Fu ritrovata dagli Americani (i famosi Monuments Men) nel 1945 in un castello e portata a Monaco, in Germania.

Solo nel 1958 la Musa rientrò in Austria, grazie al testamento dell'Arciduchessa che la lasciò in eredità  allo Stato austriaco, e nel 1964 finalmente fece ritorno  a Hofburg nelle stesse sale che l'avevano ospitata sino al 1929.

 
Immagini: da sinistra a destra in alto

(c) Venezia da Vivere, prima immagine

(c) Stefano Bonomelli


© Tutti i diritti riservati


 



NOTIZIE ED ARGOMENTI CORRELATI

 

 

Share Button

IDEA TV

CanaliWeb

Meteo Campania

Fotogallery

Cucina

I tortiglioni con melanzane grigliate e pomodori secchi
IMAGE Lavate le melanzane, privatele del calice verde e tagliatele a fette sottili. Mettetele...

Libri

La Principessa Primula di Paco Desiato
IMAGE La narrazione trasversale del fumetto come strumento per favorire la conoscenza del...

Viaggi

Verso Santiago - Epilogo del mio Cammino
IMAGE Il Cammino mi ha insegnato la sua più grande lezione quando è finito, quando ho...

Storia

31 ottobre 1517 - Le 95 tesi di Martin Lutero
IMAGE Il 31 ottobre del 1517 è la data in cui compaiono nella cittadina di Wittenberg le 95...

Cinema

Natale da Chef, il nuovo colpo di Making of Salerno
IMAGE E’ un colpo da novanta quello messo a segno da Making of Salerno, che da anni si occupa...

Week End

Palium Sancti Martini - Atmosfere medievali del 1109
IMAGE Dal quinto secolo ad oggi rivive il culto di San Martino, patrono di Monteforte Irpino,...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"