Ideavision Giornalismo Indipendente

Natura giuridica: Associazioni non riconosciute e comitati - Tipo attività: 949990 - Attività di altre organizzazioni associative NCA

Domicilio: via Starza, 31 84012 Angri (Sa)

Scafati, terzo stop stagionale

Altra trasferta amara per la Givova Scafati. Dopo la sconfitta al PalaOltrePo di Voghera contro la Bertram Tortona, anche la sfida della quinta giornata del girone ovest del campionato di serie A2 contro la Leonis Roma al PalaPonteGrande di Ferentino si è rivelata infelice per la società dell’Agro, uscita sconfitta 74-66.

Comunicato stampa


Le buone prestazioni di Thomas, Sgobba e del capitano Ammannato non sono bastate alla truppa scafatese per piegare la resistenza di una mai doma formazione capitolina, che ha trovato nei rimbalzi e canestri di Hollis, nelle percentuali dalla lunga distanza di Zeisloft e nella lucida regia di Piazza le sue armi vincenti. Il calo di tensione della prima parte del terzo quarto di gioco ha pesato come un macigno nell’economia del gioco gialloblù, perché il passivo subito in quel frangente non è più stato poi più annullato. I quintetti si fronteggiano a muso duro sin dalla palla a due, facendo entrare la sfida subito nel vivo. Il primo vantaggio scafatese al 4’ è firmato da Goodwin (4-6), poi, dopo alcune fasi di gioco condizionate dalle polveri bagnate dei terminali offensivi di entrambe le formazioni, è l’ex Loschi a fare la parte del leone, coadiuvato da Piazza ed Hollis. Il punteggio resta in equilibrio, anzi la Givova, grazie anche alla girandola dei cambi, trova idee e forze fresche in Ammannato e Sgobba, allungando 14-18 al 9’ e chiudendo avanti la prima frazione 16-20. Il buono stato di forma della Givova si conferma tale anche nel secondo quarto (18-26 al 11’). Scafati è in palla, tant’è che Goodwin e Contento firmano il massimo vantaggio al 13’ (20-32). Lo statunitense Hollis capisce che è giunto il momento di alzare la voce, così sale in cattedra, prende per mano la squadra e la aiuta pian piano ad assottigliare il divario, fino ad annullarlo del tutto (40-40 al 19’) e poi a mettere la freccia, coadiuvato da Fanti e dal connazionale Zeisloft (44-41 all’intervallo). Le redini della sfida sono ormai passate nelle mani dei capitolini, bravi a conservarle anche alla ripresa delle ostilità. Piazza, Hollis, Fall e Zeisloft sono inarrestabili per la difesa gialloblù, che crolla sotto i loro colpi, finendo sotto di 15 punti in meno di un amen (58-43 al 26’). Ma Scafati non si lascia andare, cerca di racimolare le energie necessarie per risalire la china: così Ammannato, Romeo e Thomas firmano il break di 1-11 che riporta in partita i gialloblù (59-54 al 29’). Il terzo quarto si chiude però con la Leonis in vantaggio 62-56. Le prime fasi di gioco dell’ultimo periodo, oltre ad essere caratterizzate da una difesa aggressiva dei gialloblù, si contraddistinguono per la personalità mostrata in campo da Sgobba, che realizza sei punti di fila e conduce i suoi al -3 (65-62 al 34’). Le difese prendono il sopravvento sui rispettivi attacchi, ma quello di casa mostra di avere qualcosa in più (70-62 al 37’). Thomas prova a tenere aperti i giochi (70-66 al 39’), ma i canestri di Infante, Piazza e Loschi chiudono la sfida 74-66.