US Angri, il giorno della gloria


Una settimana di attesa, una settimana di preparazione che ha portato una città intera al fianco della sua squadra, dei suoi combattenti.

Ore 13:30. Si aprono i cancelli del Novi. Ha inizio il sabato sportivo degli angresi, il giorno che sancirà la vittoria del campionato. Una festa a cui il popolo grigiorosso ha voluto partecipare, riempiendo gli spalti della tribuna con la speranza che questa vittoria segni il punto di ripartenza di una società e di una piazza che non meritano queste categorie.

"Lode a te, Antonino Gargiulo", inneggiano i tifosi per dare il giusto omaggio ad un allenatore guerriero, un comandante vero con uomini veri nel suo esercito.

"Ripartiamo, a gamba tesa", lo striscione al centro della gradinata, a sancire la voglia di ricominciare, di ripartire una volta per tutte, con nuove speranze ed i soliti sogni.

Il calcio è uno sport fisico ma anche romantico. E quale miglior posto se non il prato verde per dichiarare amore eterno. E' la scelta di Pasquale Narciso, centrocampista grigiorosso ce ha chiesto alla sua compagna tra gli applausi degli oltre 1000 spettatori.

Al fischio d'inizio la tribuna si illumina, i fumogeni ricoprono completamente gli spalti e l'atmosfera diventa magica.

La gara è storia a sé. 5-5 il punteggio finale, ma basta quel punto per dare il via alla festa grigiorossa. Tanta la gioia e la soddisfazione per vedere concretizzarsi il primo passo di un progetto concreto, iniziato nel lontano agosto e che ha avuto il suo giusto premio.

La commozione di mister Gargiulo è il simbolo di quanto questo gruppo abbia lottato, sudato ma soprattutto quanto ci abbia creduto.

E' la vittoria di tutti. Degli scettici che si sono ricreduti; dei fiduciosi che hanno seguito dall'inizio; dei tifosi, composti e colorati, sempre presenti, sempre a sostenere; dei presidenti che hanno avuto la lucidità giusta ed i piedi piantati sempre per terra, pur sognando qualcosa di grande; dello staff e di chi lavora dietro le quinte, poiché l'immagine di una società seria si costruisce attraverso tutti i possibili fattori ed attraverso quelle persone che lavorano tanto e sotto traccia; della squadra intera che ha dato il massimo dall'inizio alla fine, non ha mai smesso di crederci, si è compattata e andato oltre qualsiasi limite.

Ma soprattutto questa vittoria è del mister Antonino Gargiulo, uomo vero, dalle giuste parole. Lui è stato il vero trascinatore, unendo l'ambiente e dando la giusta serietà. Lui, angrese vero, ha vinto questo campionato mettendoci l'anima. Nelle sue lacrime, la gioia di chi sa quanto ha lavorato per arrivare fin qui. Nel coro dai tifosi a lui dedicato, la giusta riconoscenza della città intera.

Angri è ripartita. Con basi solide, con uno stadio e con tanta voglia di fare bene. Il prossimo weekend spegnerà i fari su questa stagione, mentre, da lontano, già s'intravede il nuovo cammino. Un cammino da costruire, passo dopo passo, per ritornare grandi e perché no, anche ambiziosi.

Salvatore Ruggiero

Ideavision Giornalismo Indipendente

Natura giuridica: Associazioni non riconosciute e comitati - Tipo attività: 949990 - Attività di altre organizzazioni associative NCA

Domicilio: via Starza, 31 84012 Angri (Sa)